Collana

Di terra di mare nasce dalla volontà di promuovere il territorio dal punto di vista turistico con una formula innovativa e, soprattutto, diffusa che consiste nella produzione di una collana di racconti capaci di narrare i luoghi antropologici della Puglia, esaltando identità, storia e relazioni.

Il progetto Di terra di mare vuole essere una guida per il lettore-turista-viaggiatore, affinché possa scoprire luoghi e tradizioni, ma soprattutto personaggi, di fantasia e non, che popolano e hanno popolato la nostra terra; vuole essere una nuova forma di narrazione legata al turismo per conferire un’identità forte ai luoghi, per trasformare il nonluogo in luogo.

Questo perché molto spesso la comunità turistica contemporanea si muove tra due polarità sfuggenti: il luogo, che non è mai completamente cancellato e il nonluogo che non si compie mai totalmente.

Il progetto ha durata quinquennale e prevede la realizzazione di cinque prodotti editoriali, scritti con cadenza annuale. Ogni volume della collana si riferisce a specifici ambiti che rappresentano nel loro complesso l’articolazione del territorio regionale. Undici ambiti del paesaggio in cinque volumi per presentare, in modo singolare, alla comunità di turisti il Gargano, Il Subappennino, il Tavoliere, l’Ofanto, la Puglia Centrale, l’Alta Murgia, la Murgia dei Trulli, l’Arco Ionico Tarantino, la piana Brindisina, il Tavoliere Salentino, il Salento delle Serre.