La Magia della Foresta. La Foresta Umbra e il Tasso

di Laila Campobasso

 

La Magia della Foresta. La Foresta Umbra e il Tasso rientra nella sezione ‘Le Favole’ della collana Di terra di mare ed è scritto da Laila Campobasso e illustrato da Daniela D’Elia.

Il libro – rivolto ai bambini, ai ragazzi, alle famiglie, agli insegnanti - è un viaggio interiore ed esteriore che, col pretesto di accompagnarci nella Foresta Umbra alla scoperta del misterioso albero del Tasso, ci invita a interrogarci su noi stessi, sul mondo che ci ospita e sulla relazione tra i suoi abitanti “di tutti i colori”.

Protagonista della storia è Aurora, una ragazzina con la testa tra le nuvole che ama andare per funghi col suo papà. Un giorno però si perde nel bosco (Foresta Umbra) e, quando scende il buio, trova riparo nella pancia di un albero molto grande, il Tasso, con il quale inizia a dialogare.

Ed è così che Aurora scopre le particolarità botaniche di questa pianta - la velenosità, la longevità, la capacità di morire e rinascere – da cui derivano le leggende legate al suo nome.

Ad un certo punto Aurora incontra un gufo reale, che sa vedere nel buio, e le dice che per uscire dal bosco deve prima conoscere se stessa. Il gufo le consiglia anche di cercare la sua pianta gemella. Aurora la trova e seguendola, ai primi bagliori del giorno, riesce a trovare la sua strada.

Il libro si presta a innumerevoli percorsi, disciplinari e interdisciplinari, sia scientifici che geografici, ma soprattutto può essere utilizzato come testo-pretesto per riflettere su tematiche filosofico-esistenziali come, ad esempio, il rispetto della vita in ogni sua forma, il buio (crisi) come occasione per prendere consapevolezza di sé, il sentimento di abbandono che accompagna questi delicati momenti, le emozioni, le stagioni della vita.